Giochi di specchi. Romeo e Giulietta tra istoria e novella nella Verona del XVIII secolo (prima parte)

Fausta Piccoli

Abstract


Attraverso l’analisi di testi e documenti veronesi e inglesi, il contributo evidenzia come già nel xviii secolo esistesse e fosse tramandata una “memoria veronese” delle vicende di Romeo e Giulietta e dei loro luoghi, sulla base della cinquecentesca Istoria di Verona di Girolamo Dalla Corte. La prima attestazione della tomba di Giulietta si deve infatti al resoconto di viaggio di John Breval del 1726, ben un secolo prima che i viaggiatori romantici dell’Ottocento, sulla scia di Shakespeare, ne riferiscano nei loro scritti, decretandone la fortuna. Attraverso Breval, le vicende e i luoghi dei due amanti vengono accreditati come “fatti storici” nei testi inglesi dei maggiori editori e critici shakespeariani dell’epoca. A Verona, invece, il silenzio di Scipione Maffei evidenzia come i fatti di Romeo e Giulietta fossero, per ragioni di gusto, banditi nei circoli della più avveduta nobiltà, mentre gli scritti di Giambattista Biancolini suggeriscono come essi continuassero a circolare, come “novella sentimentale”, in un contesto borghese, ma colto e informato della storia cittadina. Nella fortuna di Romeo e Giulietta si specchiano quindi le due diverse anime della società veronese, destinata a una profondo e radicale mutamento nella seconda metà del secolo.


Parole chiave


Verona; William Shakespeare; Romeo e Giulietta; Tomba di Giulietta; John Breval; Alexander Pope; Lewis Theobald; Girolamo Dalla Corte; Antonio Gaza; Pier Zagata; Scipione Maffei; Giambattista Biancolini

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Fausta Piccoli



______
Studi Veronesi
Online ISSN 2532-0173
Print ISSN 2531-9949
Via Vaio, 27 - 37022 FUMANE (VR) - redazione@veronastoria.it