San Giovanni in Fonte a Verona e il terremoto del 1117

Silvia Musetti

Abstract


Circa l’edificazione della chiesa di San Giovanni in Fonte a Verona, battistero della cattedrale, la storiografia si è interamente rifatta a Giambattista Biancolini (XVIII secolo), il quale riferiva, senza indicare la fonte, che il vescovo Bernardo fece ricostruire la chiesa a seguito dei danni causati dal terremoto del 1117. Si è reperito il documento all’origine di tale informazione, un processo del 1207 nel quale i vari elementi trovano conferma, a eccezione del nesso tra ricostruzione della chiesa e terremoto, che non è esplicito nel senso causa-effetto, ma solo da un punto di vista temporale; si dice, infatti, che l’edificio fu ricostruito dopo il sisma. Si discutono, quindi, le due possibili interpretazioni di questa frase, senza che si possa, allo stato attuale delle conoscenze, preferire l’una all’altra: la lettura che già fu di Biancolini e l’ipotesi che Bernardo ricostruì San Giovanni non spinto da necessità materiali, ma forse dal desiderio di riformare anche visibilmente il cuore della Chiesa veronese.


Parole chiave


San Giovanni in Fonte; Terremoto del 1117; Bernardo, vescovo di Verona

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Silvia Musetti



______
Studi Veronesi
Online ISSN 2532-0173
Print ISSN 2531-9949
Via Vaio, 27 - 37022 FUMANE (VR) - redazione@veronastoria.it