L’arciprete e la grammatica. L’«impresa pazzesca» in ottava rima di Luigi Bennassuti

Emanuele Luciani

Abstract


In un’immaginaria biblioteca riservata alle curiosità librarie non potrebbe mancare la grammatica tedesca in versi di Luigi Bennassuti. Egli la scrive nel 1855, nella convinzione di aiutare gli studenti che ritengono quasi insormontabili le difficoltà di quella materia. Ma altrettanto insormontabile si rivela la trasformazione di una grammatica in una sorta di poema e Bennassuti non porta a termine il suo tentativo. La vicenda di questo libro non concluso e non pubblicato non costituisce soltanto un evento curioso, ma anche un’occasione per conoscere un personaggio del tutto particolare e il singolare contesto storico in cui agisce.


Parole chiave


Luigi Benassuti; Didattica; Didattica delle lingue; Grammatica tedesca

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2017 Emanuele Luciani



______
Studi Veronesi
Online ISSN 2532-0173
Print ISSN 2531-9949
Via Vaio, 27 - 37022 FUMANE (VR) - redazione@veronastoria.it